Per visualizzare questi contenuti è necessario essere iscritti al sito


Sei già iscritto?
Inseri la tua email per vedere il contenuto
(una volta inserita non ti verrà piu chiesta)
Non sei ancora iscritto?
Registrati per vedere questi contenuti.
 
Email:     Email:  
  Nome:  
 
Il servizio è gratuito e il tuo indirizzo email non sarà mai diffuso a terzi.

ORDINA FRANCHISING PER:   SETTORE   -  INVESTIMENTO   -   MARCHIO
Articoli

Spacer

Articolo a cura di Giuseppe Bonani (Quadrante S.r.l.) sul nuovo ruolo della informazione precontrattuale

Nel 2004 la legge italiana sul franchising ha introdotto l’istituto della “disclosure” (Documento Informativo Precontrattuale) già da alcuni anni prescritta in molti Paesi come USA, Francia e Spagna

Secondo la legge che regolamenta il franchising in Italia, i franchisor che offrono a delle persone o società una marca (brand) o insegna, metodi operativi, assistenza iniziale e continua per tutta la durata del rapporto (della durata minima di 3 anni) sono tenuti a fornire ai candidati all’affiliazione, 30 giorni prima della firma di qualsiasi documento contrattuale, un documento (da noi chiamato D.I.P. – Documento Informativo Precontrattuale), contenente informazioni chiare ed esaustive per permettere loro di investire, con cognizione di causa, nella franchise prescelta.
Questo documento (in inglese: disclosure) deve fornire i seguenti dati caratteristici della franchise:
• principali dati relativi all'affiliante e, previa richiesta dell'aspirante affiliato, copia dei suoi bilanci degli ultimi tre anni;
• l'indicazione dei marchi utilizzati nel sistema, con gli estremi della relativa registrazione o del deposito;
• una sintetica illustrazione degli elementi caratterizzanti l'attività oggetto dell'affiliazione commerciale;
• una lista degli affiliati e dei punti vendita gestiti direttamente dall'affiliante;
• l'indicazione della variazione, anno per anno, del numero degli affiliati con relativa ubicazione negli ultimi tre anni;
• la descrizione sintetica degli eventuali procedimenti giudiziari o arbitrali, promossi nei confronti dell'affiliante e che si siano conclusi negli ultimi tre anni, relativamente al sistema di franchising.

Inoltre, il contratto di franchising deve prevedere e indicare:
• l'ammontare del diritto d'ingresso e degli investimenti che l'affiliato deve sostenere prima dell'inizio dell'attività;
• le modalità di calcolo e di pagamento delle royalty e l'eventuale indicazione del giro d'affari minimo che l'affiliato deve realizzare;
• l'esatta esclusiva territoriale sia in relazione agli altri affiliati che a canali ed unità di vendita gestiti direttamente dall'affiliante;
• la descrizione del know-how fornito dall'affiliante all'affiliato;
• le caratteristiche dei servizi offerti dall'affiliante in termini di assistenza tecnica e commerciale, progettazione ed allestimento, formazione;
• le condizioni di rinnovo, risoluzione o eventuale cessione del contratto stesso.

Noi di Quadrante suggeriamo ai futuri franchisee di richiedere e farsi consegnare dal franchisor il D.I.P. – Documento Informativo Precontrattuale e valutarlo prima di firmare qualsiasi documento preliminare o il contratto di franchising. Copia del contratto deve essere consegnato al candidato all’affiliazione per una valutazione del caso.

Altro utile consiglio è chiedere se il franchisor è socio dell’Assofranchising, l’associazione che riunisce i franchisor che rispettano la regolamentazione del franchising del 2004. Inoltre, consigliamo di leggere anche il Codice Deontologico Assofranchising e il Codice Deontologico Europeo, i vari libri italiani e stranieri che illustrano questa tecnica (nelle librerie si può acquistare la “Guida al Franchising” dell’editore Franco Angeli di Milano).
Reputiamo utile suggerire ai candidati all’affiliazione di consultare un esperto di franchising (Quadrante ha introdotto nel proprio staff alcuni consulenti di franchising dedicati al supporto dei futuri affiliati nella fase precontrattuale), un legale che conosca a fondo il franchising (l’Assofranchising ha tra i suoi esperti degli Studi legali con vaste esperienze in contratti di franchising) e un commercialista di fiducia

Per ogni ulteriore informazione, i candidati all’affiliazione possono comunicare la loro volontà a: info@quadrantefranchising.it
 

Fonte: Quadrante S.r.l.



Spacer
Copyright 2011 BeTheBoss Italia S.r.l. - Milano - Cap 20124 - Via San Gregorio, 53. e-mail: italia@betheboss.it Tutta la documentazione presente in questo sito � protetta da copyright. Le informazioni sono soggette a cambiamento senza preavviso. I prodotti, le societ�, gli enti, cui si fa riferimento in questo documento, sono marchi Annuario del Franchising - Testata editoriale registrazione al N. 488/2006 - Tribunale di Milano - Partita IVA 04466500966 -